Castelplanio Scuola Secondaria “E. Fermi” sabato 23 dicembre 2023

“Amare è un impulso naturale. L’amore esiste, ma abbiamo bisogno di qualcuno che ce lo insegni. Vogliamo stare in piedi, vogliamo camminare ma qualcuno deve tenerci per mano, darci un po’ di equilibrio, guidarci un po’, rialzarci quando cadiamo. Certo, cadiamo. L’amore esiste, ma dobbiamo apprenderlo, conoscerne le sfumature e le possibilità…però non posso imparare da sola ad amare. Abbiamo bisogno dell’aiuto degli altri per liberare queste capacità”. (Jeanette Winterson)

E’ questo il messaggio che gli studenti della Scuola Secondaria “E. Fermi” di Castelplanio, con un breve spettacolo, hanno donato ai bambini delle classi quinte della Primaria A. Frank di Macine, ai docenti, ai genitori presenti, alla Preside Linda Rosa Marcovecchio, al Sindaco Fabio Badiali e alla Sindaca Giuseppina Spugni e a Orietta e Fernando Borgani.

Musiche e canzoni, scelte dalla prof.ssa Denise Biga hanno accompagnato le parole degli studenti che con compostezza e solennità hanno “messo in circolo” l’Amore.

Siamo orgogliosi dei nostri ragazzi, ci sanno stupire in positivo quando comprendono il valore di ciò che fanno, quando sono protagonisti del percorso che affrontano, quando si sentono amati, sostenuti, ascoltati, creduti.

In questa occasione, speciale per il forte valore educativo, sono state consegnate dalla famiglia Borgani due Borse di Studio, erogate da “Diletta” ODV agli studenti Felicité Okaya e Prince Kumar, primo anno al Liceo Linguistico e Sportivo “Leonardo da Vinci “di Jesi.

La Preside Linda Rosa Marcovecchio ha sottolineato quanto l’Associazione ha fatto e fa per il nostro Istituto Comprensivo, permettendo la realizzazione di interventi educativo – didattici necessari alla piena realizzazione dell’azione educativa. “Vi saremo sempre profondamente grati”.

Metti in circolo il tuo amore e… vedrai tutto sarà migliore”

 

Castelplanio, 23 dicembre 2023                                                              prof.ssa Beatrice Nicolini

Video della presentazione del lavoro