24 maggio 2019 – Sport di Classe: gioco e coinvolgimento

Festa finale al parco per gli alunni della primaria “M.L.King”

Un anno scolastico insieme per promuovere lo sport a scuola e sostenerne i princìpi educativi, per avvicinarsi alla bellezza del gioco e del giocosport. Si è concluso con una Festa al parco il Progetto Sport di Classe, che ha coinvolto gli oltre 350 alunni della scuola primaria “M.L.King” di Moie. Insieme a loro Daniele Brugiaferri e Alice Ceccacci, i tecnici esperti che hanno accompagnato e coordinato il percorso didattico-motorio dall’inizio dell’anno, e le associazioni sportive locali ASD Moie Vallesina, Pallavolo Moie, LG2 Vallesina Twirling Ginnastica, Judo Antares Moie, La Corte di Campolongo.

Nato dalla collaborazione tra MIUR e CONI, il progetto Sport di Classe vuole valorizzare l’educazione fisica e motoria nella scuola primaria, promuovere i valori educativi dello sport e di stili di vita corretti e salutari. Il tutto vissuto in un contesto ludico, gioioso, inclusivo di tutte le diversità che la scuola accoglie.

«Per gli alunni è stato un appuntamento settimanale in cui vivere, nella concretezza, i valori educativi dello sport in grado di veicolare il senso del fair-play, nel rispetto anche della salute e dell’ambiente. – hanno commentato le insegnanti – Inoltre il progetto ha consolidato l’alleanza educativa tra scuola, famiglie, territorio e associazionismo sportivo, per  promuovere una corretta cultura sportiva. La pratica motoria, tra le esperienze degli alunni nella scuola primaria, promuove vissuti significativi che coinvolgono in modo forte i bambini: le lezioni di scienze motorie sono per loro motivo di gioia e di grande aspettativa, ma anche opportunità di crescita e di sviluppo di tutte le dimensioni della personalità, con il valore aggiunto del divertimento assicurato.»

Quest’anno, in tutto il territorio nazionale, sono state 7500 le scuole primarie partecipanti a Sport di Classe, numeri in crescita di anno in anno a confermare la validità della proposta, che rappresenta una risposta concreta e significativa ai bisogni educativi dei più giovani.